WE ARE READY E TU?

Ultima modifica 13 maggio 2021

 

Riparte la progettazione della Rete Re.A.Dy con Arcigay Siena - Movimento Pansessuale

Abbadia San Salvatore, Castelnuovo Berardenga, Castiglione d’Orcia, Murlo, Pienza e Provincia di Siena uniti contro le discriminazioni

 

Tante le iniziative realizzate in occasione della Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia 2021che si terrà il 17 maggio.

 

In occasione del 17 maggio - Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia  - la Provincia di Siena e i Comuni di Abbadia San Salvatore, Castelnuovo Berardenga, Castiglione d’Orcia, Murlo e Pienza esporranno uno stendardo arcobaleno di 2x1,50 metri come simbolo del loro impegno quotidiano nel contrasto alle discriminazioni verso le persone gay, lesbiche, bisessuali, trans*, intersessuali, queer e asessuali. 

“Qui non c’è posto per parole di odio” è lo slogan intorno a cui si sono uniti tutti i comuni senesi che fanno parte dalla Rete Re.A.Dy, che attraverso i loro rappresentanti istituzionali hanno lanciato un appello video a tutte le altre amministrazioni della provincia di Siena invitandole ad aderire alla Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni.

Ma c’è di più: la Provincia e i Comuni esporranno all’interno delle loro sedi sei infografiche realizzate dal Movimento Pansessuale – Arcigay Siena che hanno lo scopo di informare la cittadinanza su cosa è l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia, la transfobia e la afobia, su come riconoscerla e contrastarla attraverso piccole buone pratiche. Inoltre, sulle scrivanie degli uffici comunali saranno presenti i calendari arcobaleno ideati per ricordare le date importanti della comunità LGBTQIA+ e saranno esposti adesivi rainbow che identificano gli uffici come spazi sicuri per le persone vittime di discriminazioni.

Il 17 maggio verrà lanciato anche il video “Prof, chiamami con il mio nome” realizzato dai volontari del Movimento Pansessuale - Arcigay Siena in cui viene mostrato il coming out di un ragazzo trans* con il suo professore e le sue possibili reazioni. Il video mostra quanto è importante rivolgersi alle persone trans* con il nome che hanno scelto. Un piccolo gesto di cura che può farle sentire accolte. Da settembre infine partirà il progetto “Power Rainbow. Strategie di contrasto all’LGBTQIAfobia al tempo del COVID” che si articolerà in tre fasi: la prima prevede la realizzazione di una indagine sull’impatto della pandemia sulla comunità LGBTQIA+* più fragile attraverso la somministrazione  di un questionario e l’organizzazione di focus group di elaborazione dei bisogni e co-costruzione di sevizi e attività per dare risposte ai bisogni emersi, utilizzando un approccio community-based che coinvolge direttamente la popolazione target destinataria dell’intervento. Seguirà la seconda fase del progetto con la programmazione di una giornata di test HIV rapidi, anonimi e gratuiti in collaborazione con i medici del Dipartimento di Malattie Infettive del Policlinico Le Scotte di Siena. La terza e ultima fase riguarderà l’ampliamento delle biblioteche comunali con la dotazione di libri a tema. In attesa del’IDAHOBIT, sabato 15 maggio alle 17.00 i rappresentanti dei Comuni della Rete Ready scenderanno in piazza al fianco delle associazioni per sostenere l’approvazione della legge contro l’omo-bi-transfobia, la misogina e l’abilismo. L’appuntamento è in Piazza Salimbeni a Siena dove al grido “LEGGE ZAN E MOLTO DI PIU’. NON UN PASSO INDIETRO” si manifesterà per sostenere una legge necessaria e urgente che l’Italia attende da oltre 30 anni.